Tecnologia

Tecnologia in quarantena, come sfruttarla al meglio

Qualche giorno fa ho fatto qualche post riguardo a questa quarantena e a questo Coronavirus. Allora, parto con il dire subito che non è mia intenzione di entrare nei meandri di questa pandemia. Viviamo in un paese libero ed è giusto che ognuno abbia le sue idee, ma non sono qui per esprimerle. Fatta questa piccola promessa, dato che per forza, siamo tutti a casa molti si domandano come sfruttare al meglio la tecnologia. Sfruttarla per cosa? In questo articolo ho detto di come sia possibile sfruttare questo momento di pandemia per poter imparare nuove skills sia grazie a dei corsi a pagamento, ma anche grazie a dei semplici video che ci sono in giro su YouTube dove ci sono persone capaci che offrono le loro competenze al mondo intero in maniera completamente gratuita.

Tecnologia in quarantena, mettere off i social?

In un altro post invece, ho parlato di come i social stanno influendo in questa quarantena. Allora, io non sono qui a dirvi quali app utilizzare per poter comunicare con gli altri. Mi sembra una cosa al quanto stupida, basta andare o sull’App store o sul Play Store e ne trovate per tutti i gusti. Io sono qui per dirvi come gestire il vostro tempo con la tecnologia. Ho già parlato di come scaglionare la giornata, sfruttando solo dei determinati momenti da dedicare ai nostri social network, e allo stesso tempo ho parlato di programmare la giornata, dando magari anche degli obiettivi. Ma, se la vera risposta sarebbe quella di mettere un attimo offline i social?

Attenti bene, non sto parlando di Whatsapp o Telegram, che sono le applicazioni che tutti noi utilizziamo per poter parlare con i nostri cari, ma sto parlando dei grandi Facebook, Twitter e Instagram. In questo periodo ci sono polemiche fra politici, ci sono dei messaggi pubblicati da persone che dovrebbero guidare il paese che fanno venire la pelle d’oca, ci sono dei video di alcuni personaggi che ci fanno venire la pelle d’oca. Di politica, personalmente, me ne intendo il giusto e non sono dalla parte di nessuno in questo momento, è anche vero che i politici dovrebbero farci capire che siamo al sicuro, e invece sembriamo guidati da incompetenti menefreghisti.

Attenzione però, c’è la cura

Esatto la cura c’è, la cura probabilmente è quella di spegnere. A proposito, nemmeno a farlo a posta, lo scorso anno ho fatto un post dove parlavo del mio “quit” da i social per un determinato periodo di tempo. Questa mia scelta fu spinta dal fatto che una persona lo aveva fatto per un anno e io avevo deciso di farlo per un determinato periodo di tempo, senza escludere Whatsapp però, lo ammetto.

Probabilmente la cura potrebbe essere proprio questa incredibile disintossicazione dai social. Ci sono troppi messaggi in giro da persone importanti, io ricevo, credo, 12 notifiche al giorno solo da Google News, ottimo servizio ma che ultimamente sta diventando “invasivo”. Non se ne può più. Sappiamo la situazione, perché bisogna continuare a confonderci le idee? Già stiamo messi (ammettiamolo) male per via di questa situazione, stacchiamo, basta andare un po’ “off”. Non muore nessuno, credetemi. Le uniche persone che però ne beneficeranno sarete voi. Avete paura di perdere degli amici? Tranquilli, se sono amici ti chiederanno comunque come stai, un modo ci sarà.

Ma, ecco un’altra alternativa

Dai social non potete scappare. Bene, lo capisco, ci siamo tutti dentro fino al collo. Basta fare ciò che ho detto qui, basta di fatto anche fare una cernita sulle persone da seguire per poter vivere una quarantena per lo meno “tranquilla”. E’ questo il metodo più giusto per poterla affrontare, in maniera tranquilla. La tranquillità in queste cose… è tutto.

Conclusioni

Volevo fare un post veloce su questa tecnologia in quarantena, ma mi sono dilungato, come al solito.
Nelle conclusioni vi auguro solo di migliorare il giusto equilibrio fra il vostro tempo a disposizione in quarantena e il tempo che sfruttate per utilizzare i social network. Usateli con parsimonia.

Arrivederci e statemi bene.

Adoro scrivere ed era da tempo che volevo mettere un progetto online tutto mio e fatto quasi interamente da me, programmazione a parte. Non è il miglior blog del mondo, sicuramente ci sono tanti di quegli errori che quasi non piacerà agli utenti, ma è un progetto mio dove sfogare le mie idee!
Articolo creato 11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto