Categorie

Categorie: poche ma buone!

Categorie, ecco uno dei migliori punti interrogativi di tutte le persone che hanno un blog su WordPress, o anche un altro CMS. Le categorie. Come, quante, perché e soprattutto cosa scrivere? Allora, di blog ne ho visti un po’, alla fine è quasi da 10 anni che scrivo per i siti più disparati e noto sempre il classico problema, una quantità di categorie davvero incredibile. Ovviamente dipende dal sito, ma è meglio sempre avere delle macro-categorie e poi delle “sotto-categorie”. Ma, ci sono parecchi ma. Andiamo ad analizzare la situazione più nel dettaglio.

Meno c’è meglio è, lo stesso è anche per le categorie

I blog, o comunque i siti, meno hanno meglio è. Ovviamente tutto ciò non è inteso ai contenuti e soprattutto vorrei dire che non sto scrivendo questo articolo anche tenendo sott’occhio l’indicizzazione. In questo caso spenderò solo qualche parola inerente all’indicizzazione, e anche per quanto concerne quest’ultima a quanto pare è meglio averne poche. Ma, certamente bisogna analizzare anche il sito web che avete fra le mani. Se avesse un sito internet che parli di tecnologia sarebbe meglio avere delle macro-categorie, come per esempio: Notizie, Editoriali, Guide e magari anche una pagina dedita al forum (nel caso c’è ne fosse uno). In questo caso, poi, magari nella categoria notizia mettiamo Android, Apple, Hardware e così via insomma.

Come anticipato prima, anche le categorie si possono indicizzare nei motori di ricerca. Prendiamo una categoria Android per esempio, possiamo dargli un buon SEO per poterla indicizzare in maniera che i nostri “lettori” possono anche cercarci su google direttamente fra la categoria. Se magari fossero solo interessati alle notizie di Android possono leggere direttamente quelle anche semplicemente applicando una semplice ricerca su Google. Ma, in giro per il famoso Web ci sono articoli molto più mirati a questo argomento, io sto facendo un discorso “generico”.

WordPress ti aiuta, usa anche i tag!

Esatto, i tag. Il tag non è altro che “un’argomento”. Potremmo quindi creare delle categorie generiche e poi sfruttare anche i tag per poterli indicizzare meglio all’interno del nostro sito Web. Questo ci potrebbe per l’appunto aiutare e venire incontro a tutti quegli utenti, che magari stanno facendo un’analisi e vogliono vedere un po’ di post inerenti a quell’argomento. Insomma, diciamocela tutta. Andando incontro agli utenti il vostro sito sarà utile e oggi giorno bisogna creare qualcosa di utile per tutti poter reggere in piedi il tutto.

Inoltre, i tag aiutano anche voi a non impazzire. Questo perché se avesse intenzione di raccogliere un po’ di materiale dal vostro sito, per poterlo proporre a qualcuno, anche se non ricordate il titolo del vostro post basta che conosciate il tag, e quindi l’argomento. Di cosa si parla? Di WordPress? Ok, mettiamo WordPress. C’è un piccolo accenno di SEO? Allora lasciate perdere. L’argomento principale deve essere il soggetto, il tag deve essere inerente all’argomento, no agli accenni. Io sono dell’idea che inserire più argomenti (quindi, più discorsi) all’interno di un singolo post è un po’ un casino. Io mi annoierei, quindi evito.

Conclusioni

Questo articolo uscirà a pasquetta, e lo sto scrivendo a Pasqua. Quindi in primis, non mangiate troppo, ma tornando all’argomento, utilizzate le categorie in modo sincero. Immagine il vostro blog come se fosse una mappa concettuale. Deve essere ben organizzata per argomenti. Non sapete cosa potrebbe venir fuori ancor prima di iniziare? Bene, prendete carta e penna e buttate giù le categorie con un possibile calendario editoriale (per sommi capi, niente di specifico, tante le idee vengano da sé) e vedete cosa potrebbe venire fuori a progetto avviato. Programmate, ma non troppo, è troppo brutto farlo.

Statemi bene, buona pasquetta e buona quarantena.

 

Adoro scrivere ed era da tempo che volevo mettere un progetto online tutto mio e fatto quasi interamente da me, programmazione a parte. Non è il miglior blog del mondo, sicuramente ci sono tanti di quegli errori che quasi non piacerà agli utenti, ma è un progetto mio dove sfogare le mie idee!
Articolo creato 11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto