Coronavirus

Quarantena da Coronavirus: ci sono anche dei lati positivi

Coronavirus. Una parola e già tantissimi ricordi. Oggi 05/04/2020, dopo più di un mese dallo stato italiano sembra che ci siano i primi riscontri positivi provenienti dalla Protezione Civile. Ma oggi non sono qui per parlare del virus, assolutamente. Anzi, voglio metterlo da parte perché oggi giorno non si parla praticamente di altro. Tutte le testate, tutti i programmi in TV sembra che stavano aspettando una pandemia del genere per poter avere dei numeri importanti.

Ma, virus a parte, vorrei parlare di questa quarantena. Una parola ma tanti significati. Quando un domani una persona, finito tutto questo trambusto, dirà questa parola ci ricorderemo dei momenti che stiamo vivendo in questo periodo e tutto ciò è strano. Fino a qualche mese fa chi dicesse questa parola non pensava a nulla, ma adesso la psicologia delle persone sta cambiando, l’esperienza delle persone sta cambiando e migliorando.

Questa volta però voglio tirare stretto, era quasi un anno che non tornavo qui sul blog, un progetto abbandonato più volte, ripreso più volte e riabbandonato più volte. Dovrei dargli un senso, lo so ne sono consapevole. A questo punto però la quarantena sembra che mi stia aiutando. Sto riprendendo sotto controllo tutto ciò che avevo abbandonato nei mesi precedenti. Sto guardando le cose con un occhio diverso, e questo non solo perché dobbiamo uscire da casa con una mascherina, ma perché questo cambiamento e questa privazione della nostra libertà ci sta facendo rendere conto dell’importanza di poter uscire di casa quando vogliamo.

I benefici della quarantena per via del Coronavirus

Tutto ciò è servito a qualcosa.

Non sono assolutamente qui a parlare del Coronavirus. Anzi, vi lascio il link della pagina del ministero della salute. Io credo che quella pagina non abbiamo mai ricevuto tante visualizzazioni come in questo ultimo periodo. C’è praticamente il caos. E questo posso ammetterlo, perché nei primi giorni avevo anche il caos in testa. Ma, qualche giorno fa ho deciso di cambiare un secondo aria, e credo che sia ciò che stanno facendo già tutti ultimamente, ma per chi non lo avesse fatto ecco, secondo me, cosa bisogna fare per prendere la situazione in mano pur restando da soli e assolutamente chiusi in casa.

Prima di tutto, sappiate che,al giorno d’oggi il nostro cervello è programmato per fare sempre le stesse cose. Spesso e volentieri, purtroppo, ci ritroviamo a fare delle cose e non ci rendiamo nemmeno conto di cosa stiamo facendo, perché è un abitudine, ma, finita questa ecco che siamo andati nel panico. Il punto è che, l’uomo quando è “obbligato” ad uscire dalla propria confort zone si sente a disagio. Ed è la sensazione che abbiamo avuto tutti noi quando Conte ci ha obbligati a rimanere in casa e a dover uscire solamente con un’autocertificazione e soprattutto solamente per motivi di necessità. Vi rendete conto? Uscire con un foglio che giustifichi la vostra uscita di casa. Sembra che siamo davvero in un mondo di dittatori, ma a quando pare era l’unico modo per gli italiani per poter contrastare il virus, ma a quanto pare ci stiamo riuscendo quindi perché siamo tutti così scontenti?

Benefici della quarantena

Prima di partire dicendo i benefici, non parlerò di come rimanere a casa o come fare per chi vive con 3 bambini. No. Assolutamente, non ho figli, vivo assolutamente da solo e quindi vi darò questo punto di vista e non altri.
Il primo beneficio della quarantena è la possibilità di avere tempo. Tempo, tempo e tempo. Sono cinque lettere, le cinque lettere più costose del mondo. Che valore ha il tuo tempo? Che valore dai al tuo tempo? Magari di questo ne potremmo parlare un altro giorno.

Ma, per l’appunto, parlando di valore, bisogna far fruttare questo tempo. Sia chiaro, potremmo anche allenarci, certamente, è un guadagno anche quello. Ho trovato in giro sui social, grazie ai migliori personal trailer d’Italia, degli esercizi che possiamo fare a casa durante la quarantena. Quindi si può fare anche questo, ma non sono il tipo che vi dice come allenarvi, ma più che altro sono il tipo che vi consiglia su come sfruttare questo tempo per farlo fruttare. Facciamo finta che questo nostro tempo sia una sorta di investimento, investimento del futuro.

Prima di tutto in queste giornate dove non abbiamo molto da fare, e soprattutto alcuni lavoratori sono a casa perché non possono lavorare in “Smart Working”, sicuramente la miglior cosa da fare è studiare o migliorare qualcosa. Beh, chi ha casa di proprietà (e io non sono fra questi) sicuramente avrà dei lavoretti da fare che rimanda da tempo. Magari c’è la ringhiera del balcone da verniciare, cosa molto semplice da fare, o banalmente c’è da mettere a posto il ripostiglio perché ormai non si capisce nemmeno cosa c’è o cosa non c’è. Questa è una delle prime idee sicuramente già gettonate dagli italiani, ma c’è anche un altro modo per poter investire in questo lasso di tempo davvero molto ampio.

Cosa si potrebbe fare in questa quarantena?

Possiamo migliorare le nostre skills. Skills, parola strana, parola che però non è intesa alle skill di Alexa, ma alle nostre. Alle nostre capacità e alle nostre potenzialità, In giro per il web, è davvero pieno di corsi, sia a pagamento che gratuiti, che ci permettono di poter imparare a fare delle cose. Vi consiglio anche YouTube, banalmente, in questo mese di quarantena (che fra l’altro sembra ormai quasi finito) potremmo anche studiare un nuovo linguaggio di programmazione che magari abbiamo sempre sognato di utilizzarlo ma per mancanza di tempo non abbiamo potuto farlo. Il Web è anche pieno di video corsi a pagamento, si trovano infatti dei video fatte da persone con competenze davvero molto importanti che però potrebbero far comodo anche a noi.

Ma attendi bene, non è che dobbiamo sempre e solo studiare, possiamo anche semplicemente stare davanti la TV a guardare, ma attenzione anche qui. Guardare la TV non sempre fa bene, se non avesse la TV in casa meglio, basta una connessione ad internet al giorno d’oggi. Personalmente, se avesse la possibilità di utilizzare una buona connessione ad internet date un’occhiata ai Ted Talk, c’è ne sono tantissimi anche di persone italiane, persone competenti che attraverso delle interviste ci danno la possibilità di apprendere nuove informazioni, che possono servire.

Una delle cose che io comincerò a fare domani è quella di fare Personal Branding. Ciò è utile sicuramente per tutti quei liberi professionisti, che magari non potendo lavorare in questi giorni sono costretti a rimanere chiusi in casa. Questo termine che ho usato significa tante cose insieme, ma più che altro vuole intende il fatto di dover migliorare la nostra reputazione online attraverso i social network, curandoli e quindi dandogli più visibilità. Quindi mettere a posto il profilo di Linkedin, molti non hanno nemmeno la foto profilo, oppure per potreste mettere a posto il vostro profilo Instagram andando magari anche ad eliminare quelle foto stupide che era meglio che non venivano pubblicate e mettere a posto le storie. Insomma, anche per tutte quelle persone che lavorano spesso online ecco che c’è del lavoro. Per tutti i liberi professionisti invece che hanno intenzione di approcciarsi anche al mondo di Internet, magari con un sito Web per avere un minimo di Portfolio disponibile per tutti i potenziali clienti e non, ora c’è la possibilità di farlo. O di trovare una persona che lo faccia a un buon prezzo, oppure imparare da soli e crearsi il sito Web da soli. Sappiate che non è molto complicato grazie agli applicativi che ci sono oggi giorno.

Conclusioni

L’articolo stava andando davvero troppo per le lunghe, ma, ciò che volevo proporvi era qualche idea su come passare ormai questi ultimi giorni di quarantena. Sappiate anche però che questa quarantena non sembra voglia finire dopo pasquetta, forse per alcune cose è meglio così. Staremo a vedere. Non voglio dirvi di stare a casa, perché non serve a niente. Lo slogan fatto #iorestoacasa mi sembra abbastanza stupido. Basta utilizzare una cosa che tutti hanno perso in questi ultimi anni, stiamo parlando del buon senso.

Arrivederci a tutti, statemi bene.

Adoro scrivere ed era da tempo che volevo mettere un progetto online tutto mio e fatto quasi interamente da me, programmazione a parte. Non è il miglior blog del mondo, sicuramente ci sono tanti di quegli errori che quasi non piacerà agli utenti, ma è un progetto mio dove sfogare le mie idee!
Articolo creato 11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto